Info

___________________________________________________________

 Cosa fare in caso di lutto

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. Se possibile delegare ad un familiare emotivamente meno coinvolto le procedure per lo svolgimento del funerale o farsi accompagnare da una persona amica.

Appena verificatosi l’evento luttuoso mettersi in contatto con la nostra organizzazione per consentire ad un nostro incaricato di raggiungervi tempestivamente e fornirvi il massimo supporto per la scelta della soluzione più appropriata.

Se il decesso avviene in casa occorre chiamare il medico curante per l’accertamento delle cause del decesso e per la compilazione del relativo certificato, unitamente al modello ISTAT che vi forniremo.

Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura, la struttura sanitaria provvede a compilare il certificato di morte. Successivamente è necessario contattare un’Agenzia di Onoranze Funebri.

In caso di morte violenta, di morte improvvisa in strada o in altri luoghi pubblici, o in caso di morte di persone che vivono sole, è necessario, chiamando il 113, avvertire l’autorità giudiziaria che, dopo gli accertamenti, darà disposizioni per la rimozione della salma.

 

Nei Cimiteri romani possono essere accolte le persone:

  • che sono decedute nel territorio del Comune di Roma. 
  • che in vita avevano la residenza nel Comune di Roma. 
  • che hanno titolo per essere sepolte in tombe o loculi concessi a privati all’interno dei cimiteri romani.
  • non domiciliate e non decedute nel Comune di Roma, per il ricongiungimento nello stesso cimitero di coniugi o di genitori ai figli.
  • decedute e residenti in altro comune il cui cambio di residenza è avvenuto contestualmente al ricovero in casa di cura a lunga degenza o in casa di riposo.
  • decedute all’estero ma iscritte all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) del Comune di Roma.
  • non residenti e non decedute nel Comune di Roma, il cui nucleo familiare (coniuge o, in mancanza, figli o genitori) sia residente nel Comune di Roma.